Annunci

 tordini.png

 











 

 

 

tordini.png

 

 

 

 

 
powered_by.png, 1 kB

HOT NEWS
Hot news 9 Aprile 2017 - NON CI POSSO CREDERE!! PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
marted́ 04 aprile 2017

                                                                                                  

HOT NEWS

 

                                                                                                 

08 Aprile  2017 - Fermo 

 trof_cesar_salumi_8_aprile_2017.png

      circuito_8_aprile_trofeo_cesar_salumi_porchettificio.png

trofeo_cesar_salumi_porchettificio_info_fermo.it.png

inf.tv_trof_cesar_salumi.png

Incredibile ma vero..!!!!
Alla gara odierna di San Girolamo nella prima gara, riservata alle categorie over 45,
vince, senza neanche quasi accorgersi di aver ripreso.tutti i fuggitivi,
Alessandro Fasciani che ritorna sul gradino più alto del podio dopo oltre un decennio.
Se ne vanno in due, Fasciani e Calbucci, che nel corso dell.ultima ascesa verso San Girolamo
prendono il.largo per poi disputare una lunga volata,
dove Fasciani riesce a sfruttare la conoscenza della.salita per affondare l attacco perfetto
e staccare il compagno.di.fuga Calbucci negli.utlimi 500 metri.
Terzo ad una manciata di secondi arriva Roberto Vallese che vince la volata del gruppo.
Complimenti a tutto il team Trombetta, Chiodi, Teodori, Montelpare, Monti, Conti Bianchi e
Mazzoni che hanno corso in modo eccellente per poi lasciare il largo a Fasciani
che coglie questo successo in casa.
 Nell'altra gara prendono il via Luccerini, Polci, Aliberti.
La vittoria va a Carlo Iafrate che batte in volata Di Fiore e Corradetti.
Complimenti all' organizzazione per la scelta del percorso apprezzato da tutti e
al Salumifico Half Moon Cesar Salumi Porchettificio.it
che ci ha ospitato e offerto panini e porchetta ad ogni partecipante.

Fasciani dedica questa sua seconda vittoria a San Girolamo a
Loris Lupacchini
un suo grande amico, che ci lasciò nel'oramai lontano Febbraio del 2000
lui abitava proprio dove era posto l'arco d'arrivo.

san_girolamo_2017.png

  video_arrivo_san_girolamo.png

8_aprile_2017_san_girolamo_foto.png

17879963_717866798374531_8399500290988914814_o.jpg

podio_san_girolamo_2017.jpg

infofermo_san_girolamo.png

informazione.tv_san_girolamo_2017.png


08 Aprile  2017 - Manciano


 

2017_aprile_8_aretine.png

 
09 Aprile  2017 -  Corridonia

 
2017_aprile_9_corridonia.png
17634633_837653186372656_5604582042373792284_n.jpg
17523254_837665096371465_2804280820977206884_n.jpg

  marcozzi_su_giuliodori_corridonia_9_aprile_2017.png

17884013_837664279704880_7977216350175121845_n.jpg

  marozzi_su_vallati_corridonia_9_aprile_2017.png

08 Aprile  2017 - Mondolfo

 

 

2017_aprile_9_mondolfo.png

 

  classifica_mondolfo_9_aprile_2017.png

Valenti, Gabellini e Brunelli i leadr di giornata in questa gara di Mondolfo

 

 

 

09 Aprile  2017 - Chieti 

Trofeo TecnoGas  

 

17883925_10212159079362935_5673458438422011436_n.jpg

di_domenico_9_aprile_2017.png

derrico_9_aprile_2017.png

 

 

 

09 Aprile  2017 - Riccione

19.a Gran Fondo Città di Riccione: che spettacolo! Come recitava la t-shirt indossata da Valentino Rossi in occasione della gara di Phillip Island 2004 che gli consegnò il titolo del Campionato del Mondo Moto GP.

La gara perfettamente organizzata dall’ASD Euro Bike dell’“uomo ovunque” Valeriano Pesaresi, capace di posizionare correttamente 200 persone a presidiare gli incroci ed altri 100 addetti all’organizzazione generale proponendo due tracciati, mediofondo di 98 km e 1.539 metri di dislivello e granfondo di 137 km e 2.083 metri di dislivello, una competizione che ha regalato una di quelle prove caratterizzanti della carriera del campione di Tavullia, zona, guarda caso, di passaggio della Gran Fondo Città di Riccione.

Oltre 1200 ciclofondisti si sono divertiti oggi a Riccione (RN), dopo la scenografica partenza da Piazzale San Martino, al cospetto del lungomare riccionese e alla volta degli scoppiettanti scenari paesaggistici della riviera romagnola, sulle strade a cavallo fra Romagna, Marche e Repubblica di San Marino, ed arrivo nei pressi del parco di Oltremare, con alcuni vibranti saliscendi a vivacizzare ulteriormente un percorso che rispetto allo scorso anno è stato capace di concedere, se possibile, ancor più emozioni.

La 19.a edizione è stata vinta da Gianpaolo Busbani, autore di una poderosa rimonta in volata che ha anticipato di un soffio gli arrivi di Wladimiro D’Ascenzo e Christian Barchi, inizialmente quarto ma premiato al fotofinish dopo una verifica dei cronometristi che ha “deluso” il festeggiato Matteo Di Donato. Il successo di Busbani è stato più celebrato che mai, anche perché il corridore anconetano veniva da un avvio di stagione difficoltoso: “Sono due mesi che mi sto preparando, ed è andata bene, nemmeno credevo di arrivare alla fine, siamo andati in fuga su un punto clou in discesa con Celli a condurre il gruppo, sapevo che in volata avrei potuto dire la mia, mi sono giocato il jolly ed ho vinto. Quando si vince è tutto bello! Dedico il mio successo alla squadra”. Al femminile, come prevedibile, la gara è stata un assolo di Barbara Lancioni, vera e propria “domatrice di granfondo”, data per favorita assoluta anche alla vigilia. Seconda è invece giunta Debora Morri, davanti a Manuela Bugli, sul gradino più basso del podio nell’itinerario che più metteva alla prova i concorrenti. Nonostante il successo, nulla va dato per scontato, e Barbara Lancioni ha apprezzato anche le novità sul percorso firmato Euro Bike: “Sono riuscita a tenere la testa del gruppo, alla fine ho avuto i crampi e ho dovuto rallentare un po’, ma sono arrivata comunque davanti. Ringrazio i miei compagni, questa è sempre una bella gara, quest’anno con un finale impegnativo, questi strappi molto duri tagliano veramente le gambe ma mi sono divertita tantissimo”.

La 19.a Gran Fondo Città di Riccione, valevole per il Campionato Nazionale ACSI e per i circuiti Romagna Challenge e Zero Wind Show, ha concesso attimi di puro godimento anche nell’itinerario più breve, nonostante i chilometri di differenza fossero appena 39. Ad aggiudicarsi la competizione al maschile è stato Silver Lazzari, con una media di addirittura di 39.20 km/h, autentica scheggia sul mediofondo. Anche quest’arrivo è stato elettrizzante, con una marea di ciclisti a contendersi il successo, secondo classificato un altro “veterano” delle granfondo, Stefano Nicoletti, mentre a chiudere il parterre ci ha pensato Cristian Ballestri. Silver Lazzari ha avuto ragione degli avversari diretti dopo essere uscito vincitore da una grande battaglia: “Gara durissima, mi sono allenato bene con il mio amico Cini che è di casa, conosce il percorso, per fortuna non mi hanno attaccato gli scalatori e sono riuscito a prevalere in volata che è la mia specialità. Il percorso è stato bellissimo, complimenti agli organizzatori e al grande Pesaresi”.

Spettacolo anche nell’arrivo della prima mediofondista, l’aretina Michela Gorini, vittima in carriera di episodi sfortunati, ed oggi stella più lucente di una meravigliosa giornata in quel di Riccione: “Bella corsa combattuta, ero al comando sino a metà gara, poi sono stata raggiunta e l’epilogo ha dato a me la gioia della vittoria. Mi piacciono queste salite corte, è la prima volta che mi cimento in questa gara ma ora sicuramente tornerò!”. Al secondo posto ha concluso Lorena Zangheri, mentre la vicentina Michela Bergozza ha messo la firma finale sul podio, preludio delle premiazioni con Coop Alleanza 3.0 in primo piano.

La 19.a edizione non è stata solamente una parentesi domenicale, bensì è stata preceduta anche dalla prima Women On Bike, ideata e creata da Sandra Vezzani, responsabile del Centro commerciale Perla Verde dove, dopo il concerto show della cantautrice Francesca Romana Perrotta, la passeggiata in bicicletta fra le concorrenti “rosa” è partita e dove si sono svolte le premiazioni ed il pasta party conclusivo della Gran Fondo Città di Riccione, anch’esso un “cult” per la competizione romagnola, con la IAL Scuola di Ristorazione di Riccione a sfornare prelibatezze e tipicità della zona, fra strozzapreti fatti a mano, cassoni ripieni di patate e salsiccia e ciambella romagnola.

Cambiando dunque “l’ordine degli addendi il risultato non cambia”, e sostituendo le parole del film del 1953 diretto da Luigi Comencini “Pane, amore e fantasia” con “Sole, Ciclismo e fantasia” si può così riassumere una manifestazione che nel 2018 festeggerà il ventesimo anno d’età, e che oltre ad un passato glorioso, grazie anche alla Women On Bike e al dinamismo di Valeriano Pesaresi, ha davanti a sé un futuro più che mai lucente.


busbani_riccione_9_aprile_2017.png

 

riccione_lazzari_9_aprile.png

Ultimo aggiornamento ( venerd́ 14 aprile 2017 )
 
< Prec.   Pros. >

Sondaggi

Tesserati

foto_boccaccini_angelo_1.jpg
logo_autonoleggio.it.png
logo_facebook.png
pedale_fermano.png
muri_fermani_2018.png
banner_informazionetv.gif
rcw.png
race_result.png

ciclocolor.png

langolo_del_pirata.png
estense.png
a_ruota_libera_logo.png

gazzetta.png

fm_tv_canale_211.png

logo_ultimo_km.png
infofermo1.png
adriatico_news.png
 
corriere_adriatico-.png
logo_viverefermo.png
logo_cronache_fermane.png

radiofermo.jpg

logo_stazione_41.png
meteo.it.png
© 2022 Pedale Fermano
Joomla! un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.